Oggi vi racconto quelle che secondo me sono le migliori frasi del disco 17, di Jake ed Emis uscito il 18 settembre. Un disco che ha tutto, anche le frasi

Ok inizio con il dire che sarà l’ultimo articolo su 17😂 poiché ne ho fatti tanti di post su Instagram, ma qualche giorno fa ho fatto uscire la recensione. Però per fare un quadro completo, mi sembra giusto scrivere anche un articolo sulle migliori frasi. Ovviamente non dirò i miei pensieri sul disco, poiché vi rinnovo la recensione che ho scritto lunedì, quindi passiamo direttamente alle frasi. Prima di procedere all’articolo in se per se, vi ricordo di seguirmi sul mio social principale @forza_rap su Instagram, per meme, frasi e molto altro, e soprattutto per rimanere sempre aggiornati sulla scena rap e trap, e sugli articolo del sito. Detto questo aprite Spotify, indossate un paio di cuffie, e godetevi questo super articolo. Detto questo buona lettura.

Fra’, in strada ero già il più sveglio, è per questo che ho fatto strada
Avessi fatto la carriera da prete, ora sarei Papa
Pappa dell’hip hop, smerdo questi rapper come Papa Doc”

Broken Language

“So che a tutti quanti quelli come noi non gli davi un euro
E se penso a quanto spendo forse era meglio”

No Insta – Lazza

“Due bravi genitori, entrambi lavoratori
E sotto due coglioni pesanti come mattoni
Ma ho capito presto, fra’, che l’onestà non paga
Fratelli flirtano col crimine per fare strada”

Renè & Francis

Alla fine mi hanno chiuso in un’isola in mezzo al mare
40 coltellate mi hanno dato, ma mi hanno reso immortale
Il mio cuore l’hanno tolto dal petto dentro una cella
L’hanno preso, morsicato e buttato per terra

Renè & Francis

Amore che toglie il ferro dall’inchiostro
La gravità strappa la pelle, ma lascia tutti i miei tatuaggi sul posto
Freddo come un Dom Pérignon
O caldo come a ferragosto

Amore tossico

Io sono sempre un morto che cammina
Se il presente parte dal passato
Noi ne riparliamo domattina
Ma per questa volta mi hai mancato

Amore tossico

La fortuna non mi bacia però me lo suca

666

Che silenzio nella city, parlano solo i falliti

Sparami – Fabri Fibra

Quando minacci: “Ti giuro t’ammazzo”
Sì, giuro anche io che mi ammazzi dal ridеre

Sparami

“Tu non sei nessuno, se ti do uno schiaffo mi rimane il trucco qui attaccato al palmo”

Sparami

“Giochiamo col fuoco proprio perché ci aspettiamo che bruci”

Lontano da me

Il problema di quanto stai in alto è che non te ne accorgi
Ma poi guardi giù
E ora vedi tutti i torti, sentimenti morti

Lontano da me

Per me daresti la vita
Anche adesso che è finita
Mi hai messo l’anima in mano
Io solo anelli alle dita
Tu c’hai la faccia pulita
La mia coscienza è annerita
Sulle tue guance cola la matita
Non c’è via d’uscita da me

Lontano da me

Un cane bastonato ha l’indole aggressiva
Per questo io ero quello che contava fino a 10
E tu quello che al 3 partiva

L’ultima volta

Se c’è giustizia, perché non paga un altro? Se c’è giustizia perché tua madre ha il cancro?
Non basta l’amore a cambiare vita
Non curi un tumore con l’aspirina, no, no

L’ultima volta

La felicità quaggiù non fa mai sconti, vorrei comprarne un po’ ma non mi bastano mai i soldi

La mia prigione

I sogni sono benzina per chi se ne vuole andare
Da qui, da dove dalle conchiglie non senti il mare

Medaglia

Sopra ad un tram senza il biglietto auricolare nell’orecchio 
In quel cassetto quanti sogni avevo 
Guardai il futuro nello specchio e giuro aveva un brutto aspetto fra 
Ma io qualcosa ci vedevo 
Se è vero che anche l’erba calpestata diventa un sentiero 
Io proseguo e non mi guardo indietro 
Dicevano “sei pazzo” e forse un po’ era vero 
Grazie al cielo che ero pazzo e quindi ci credevo
 

Medaglia

Sognavo sui libri di scuola 
Io avevo fame di sapere e ancora oggi il sapere è la mia pistola 
È stata lunga e dura come il cammino verso Santiago 

Medaglia

Non trovo mai pace neanche un po’, perché corro sempre dietro a quello che non ho

Quello che non ho

Gli altri mi davano contro, se fai del bene è normale
Oggi non so dove sono, io sono al telegiornale

Cowboy

Per stare in alto ho messo tutti sotto
E forse ho avuto tanto ma ne voglio ancora
Se avevi niente fra non è mai troppo

Quello che non ho

Neanche un milione sul conto mi alleggerisce il pranzo
Se nasci con un buco in pancia fra non sei mai sazio

Quello che non ho

Pensavo tanto al mio futuro che ho perso il presente
Volevo essere onnipotente come un Dio
Per poi scoprire che anche Dio è niente
Di fronte a un non credente

Quello che non ho